Raccolta canapa: come e quando avviene

la-raccolta-della-canapa

Pubblicato il: 30/06/2024

SETTEMBRE È IL MESE MIGLIORE DELL’ANNO PER LA RACCOLTA DELLA CANAPA. MA ATTENZIONE AL METODO: C’È DIFFERENZA TRA IL RACCOLTO A MANO E CON I MACCHINARI

Raccogliere la marijuana è un’attività estremamente delicata, e chi è del mestiere lo sa bene.

Se stai cercando di comprendere come avvenga specificamente, è importante considerare che alcuni fattori possono influenzarne il risultato.

Un raccolto proficuo dipende da diversi fattori, tra cui il tipo di coltivazione, le condizioni di temperatura, l’illuminazione e il clima.

Inoltre, la scelta del metodo dipende dalla necessità di raccogliere infiorescenze o altri elementi della pianta.

Se stai cercando un prodotto di qualità che rispetti rigorosamente le severe normative italiane sul consumo di canapa light, è importante sapere che la coltivazione domestica non è la soluzione.

Se desideri approfondire l’argomento, questo articolo è quello che fa per te.

Quando raccogliere le cime delle piante di cannabis

La raccolta della canapa è una fase estremamente delicata dell’intero processo, che richiede non solo molta manodopera, ma anche un’ampia esperienza nel settore.

La canapa è una pianta annuale, il che significa che nella maggior parte dei casi impiega circa 90-120 giorni per passare dal seme alla pianta adulta. I suoi germogli fioriscono una sola volta prima di morire, in attesa del prossimo ciclo di raccolta.

Inoltre, la canapa è influenzata dai cambiamenti stagionali: quando le giornate iniziano a accorciarsi, la crescita in altezza della coltura rallenta e inizia invece a concentrarsi sulla produzione di boccioli di fiori.

Questo è il motivo per cui il periodo ottimale per la raccolta della canapa sativa è settembre.

Gli agricoltori devono anche monitorare attentamente le condizioni meteorologiche prima di scegliere il momento ideale per raccogliere la canapa. Nonostante sia una pianta robusta, non può sopportare né il gelo né piogge eccessive.

Il maltempo potrebbe causare la rottura dei rami delle piante e, se accompagnato da un’eccessiva umidità, potrebbe favorire la formazione di muffa, specialmente nei fiori più grandi.

Coloro che hanno optato per la coltivazione indoor sanno che, tecnicamente, è possibile “creare” e mantenere una stagione di punta manipolando le temperature, l’illuminazione, l’umidità e altri parametri ambientali. Inoltre, con climi più caldi, è fattibile ottenere due turni di raccolta all’anno, il che potrebbe raddoppiare la produttività delle piante. Il segreto risiede nel testare il proprio prodotto lungo l’intero ciclo di vita e nel creare un ambiente di crescita ottimale.

Una volta identificato il periodo ottimale, è importante comprendere come e quando raccogliere la cannabis.

Leggi anche: Cannabinoidi: effetti a breve e lungo termine di THC, CBD, CBG e altri principi attivi

Quando viene raccolta la canapa?

La raccolta della canapa

Sin dall’inizio, per evitare errori, è importante notare che coloro che si dedicano professionalmente alla raccolta della canapa devono tener conto di requisiti ben precisi, tra cui:

  • la temperatura ideale dovrebbe essere compresa tra i 15 e i 20°C;
  • è fondamentale garantire un ricambio d’aria ogni ora.

Se l’obiettivo è estrarre e distillare l’olio di CBD, le piante devono essere sottoposte al processo di essiccazione. È importante tenere presente che le gemme possono impiegare da 1 a 12 giorni per essiccare, a seconda del contenuto di umidità iniziale, delle loro dimensioni e della densità.

Di solito, questo processo può avvenire all’interno di container di spedizione dove le piante sono appese a testa in giù, oppure è possibile trasferire il raccolto in una camera dedicata esclusivamente alla stagionatura e all’essiccazione.

Detto ciò, esistono due opzioni per raccogliere la canapa: manualmente o con l’ausilio di macchinari agricoli.

Esaminiamo entrambi i casi.

Come (e perché) i fiori di canapa vengono raccolti a mano

Raccogliere la canapa a mano contribuisce a preservare l’integrità del fiore. Durante questo processo, è fondamentale fare attenzione affinché i tricomi, i terpeni e i pistilli non vengano danneggiati. Manipolare i fiori in modo errato potrebbe ridurre significativamente il loro valore sul mercato.

Inoltre, la raccolta manuale della canapa richiede un lavoro intensivo. Di solito vengono impiegati utensili come machete, cesoie o coltelli da tabacco per tagliare gli steli e trasportare la canapa su un carro o un rimorchio.

Successivamente, il metodo di taglio dipende dall’opzione di essiccazione selezionata:

  • se si intende asciugare la canapa a schermo, è consigliabile tagliarla in sezioni più piccole per renderne più agevole la stesura;
  • se invece l’intenzione è di appenderla, si preferiranno sezioni più grandi.

Infine, coloro che preferiscono la raccolta manuale dovranno investire considerevolmente in manodopera. In genere, per raccogliere un acro (circa 2.000 piante), sono necessarie da 5 a 10 persone che lavorino per circa otto ore.

Biomassa di canapa e raccolta con le macchine

La raccolta della biomassa di canapa richiede processi differenti rispetto alle infiorescenze. Poiché la biomassa viene coltivata su scala industriale per gli estratti di CBD e CBG , non richiede la stessa attenzione dei fiori.

Pertanto, per raccogliere rapidamente acri di canapa, gli agricoltori utilizzano attrezzature agricole industriali come le mietitrebbiatrici.

Così facendo, sicuramente ci sarà meno necessità di manodopera rispetto al metodo manuale.

Raccogliere o acquistare la canapa?

Raccogliere canapa o acquistarla? Con Justbob non dovrai preoccuparti di niente

Se desideri approfondire le tecniche per raccogliere correttamente la canapa per uso personale, forse faresti bene a porti un’altra domanda.

Ne vale davvero la pena?

Abbiamo constatato che la raccolta della canapa è un’attività complessa che richiede impegno, dedizione e manodopera.

Questo si traduce in costi che possono essere difficili da sostenere se paragonati agli obiettivi prefissati.

Per fortuna, Justbob offre la possibilità di acquistare della canapa light, o pre rolled joints di altissima qualità con un bassissimo contenuto di THC (meno dell’ 1%).

In questo modo, potrai effettuare i tuoi acquisti in totale sicurezza e nel pieno rispetto della legge italiana.

I prodotti a base di CBD, infatti, non contengono sostanze stupefacenti e sono completamente sicuri, come confermato alcuni anni dalla stessa Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) durante una conferenza.

La proprietà più rinomata di questa sostanza è il suo effetto rilassante.

Leggi anche: Effetti positivi e negativi della cannabis

In conclusione

Questo articolo si proponeva di fornire una guida esaustiva sulla raccolta della canapa, illustrando il periodo ottimale per avviare tale processo in base alla scelta tra coltivazione indoor o all’aperto.

Inoltre, si è discusso del metodo di raccolta sia per le infiorescenze che per la biomassa di cannabis, offrendo indicazioni dettagliate su entrambi i processi.

È ovvio che tutte le informazioni fornite siano rivolte a coltivatori esperti e consapevoli delle normative che regolano la coltivazione della marijuana legale.

Se invece quello che stai cercando è un prodotto sicuro e di qualità, visita il sito di Justbob.

Lì ci troverai una vasta selezione di prodotti legali come canapa light, hashish legale o olio di CBD, che puoi acquistare in totale conformità con la legge presso il nostro CBD shop.

Vi aspettiamo!